La Fondazione sostiene quattro innovativi progetti di rete


L'anno della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza si conclude con la decisione di contribuire alla realizzazione di quattro nuove progettualità di rete per uno stanziamento complessivo di 53mila euro derivanti da fondi territoriali di Fondazione Cariplo: quattro progetti che a breve saranno realizzati sul territorio della provincia e che si propongono di contribuire alla crescita di un moderno welfare di comunità.

Il Lavoro abilita l'uomo
Capolifa: cooperativa sociale Il Brugo
Partner: le cooperative L'Iride, Solaris, Lambro, Il Seme, TreEffe e Fondazione Stefania
Dove: provincia di Monza e Brianza

Il progetto intende lavorare sul tema dell'inserimento lavorativo di persone con disabilità mettendo a sistema alcune esperienze in parte sperimentate dalla Cooperativa Il Brugo per incrementare i tirocini di inclusione e gli inserimenti lavorativi. . Tra gli obiettivi la creazione di una rete di cooperative del territorio che possano sempre più maturare l'implementazione dello strumento dei tirocini di formazione ed orientamento e  la costruzione di basi significative di co-progettazione con le aziende, a cui faranno seguito proposte di team building. Si lavorerà anche per implementare il progetto "Anch'io volontario" che prevede il coinvolgimento di persone con disabilità in attività di volontariato presso associazioni del territorio. Tra le azioni previste anche la realizzazione di un convegno sul tema.

Torre di arrampicata
Capofila: Firefit
Dove: Lissone 

A proporre il progetto una giovane realtà nata tra le fila dell'associazione dei pompieri di Lissone. Attraverso lo sport in generale e l'arrampicata in particolare si intende indirizzare i più giovani a un'avvicinamento verso il mondo del volontariato e della solidarietà. Le attività alteltiche rappresenteranno uno strumento per promuovere sia la collaborazione, sia il valore della diversità, con un'attenzione particolare allo sviluppo di esperienze legate al sociale e alla disabilità. Previsto l'acquisto di una torre di arrampicata e delle attrezzature necessarie. L'installazione della torre rappresenta il punto di arrivo di un'esperienza che oggi viene svolta solamente per una parte dell'anno in un palestra del Cai di Bovisio Masciago. Il progetto vede anche la partecipazione economica di Fondazione Peppino Vismara. 

Accoglienza Piano Freddo
Capofila: Parrocchia San Giuseppe e Caritas
Dove: Seregno e limitrofi

Ci si prepara all'allestimento di un asilo notturno in grado di accogliere una ventina di senza fissa dimora a cui garantire, da novembre 2019 ad aprile 2020, un posto caldo per dormire, un pasto serale, la colazione, la possibilità di provvedere all’igiene personale. Tra gli obiettivi anche l'intenzione di avviare, là dove possibile d’intesa con i servizi comunali territoriali, una progettualità minima per promuovere un percorso di emancipazione dalla condizione di disagio. Ad essere allestiti gli spazi interni del Don Orione di Seregno: organizzate camere condivise con tre posti letto ciascuna per un totale di 18 posti e tre bagni comuni. Per l’intera durata del progetto sarà garantita la presenza di figure educative professionali. A medio-lungo termine ci si prefigge di contenere il rischio della cronicizzazione del disagio e della difficoltà supportando l’interessato in un utilizzo più efficace delle risorse e dei servizi del territorio.

Re-Fresh. Solidarietà senza sprechi
Capofila: Consorzio Comunità Brianza
Dove: Lissone

Il progetto ha l'obiettivo di attivare un nuovo servizio all'interno del Comune di Lissone, sostenendo fasce di popolazione in difficoltà economica attraverso un'attività di distribuzione di pasti e alimenti freschi recuperati da mense aziendali e comunali e dalla grande distribuzione. Lo spazio di appoggio sarà all'interno del Botticelli a Lissone, struttura di accoglienza dotata di una mensa per persone in difficoltà. La gestione del servizio potrà realizzarsi anche grazie ad alcuni ospiti formati e ai volontari.