“Per mano per Cesano”: quando ad attivarsi è l’intera Comunità

In quanto “Progetto di attivazione della Comunità e di coesione sociale”, “Per mano per Cesano”, promosso dall’associazione familiare conVoi onlus, ha avuto un’area di impatto che definire ampia è poco, perché ha coinvolto tutta la cittadinanza.

È stato selezionato e finanziato dalla Fondazione MB nell’ambito del bando sperimentale 2017.5 che aveva proprio come obiettivo quello di lavorare coinvolgendo una ricca rete e strutturata di soggetti, con l'obiettivo di realizzare progetti trasversali.

Diverse le modalità di lavoro messe in campo, perché “gli interventi sono stati governati cercando convergenze interne e trasversalità relazionali con le persone incontrate nei diversi contesti, per permettere loro di disegnare con noi traiettorie possibili per un esercizio di cittadinanza attiva e consapevole”, ha spiegato il direttore della onlus Ivan Vitali. “Poi abbiamo consolidato e reso produttive le relazioni fin qui intessute con i diversi mondi dei servizi educativi e alla persona, delle associazioni, degli enti preposti alla cura e alla cultura”.

Sei le azioni promosse e realizzate, che hanno avuto un impatto positivo su diverse centinaia di persone. Dal supporto educativo e scolastico per preadolescenti e adolescenti (numero 1) alle attività ludiche, educative e laboratoriali (2), passando per la consulenza, la supervisione pedagogica, il rafforzamento della collaborazione in rete con famiglie, scuole, parrocchie, servizi sociali ed enti del territorio (3). Non sono mancate azioni di formazione e di promozione del volontariato (4), attività di orientamento e di accompagnamento lavorativo (5) e l’attivazione di percorsi sui temi dei beni comuni e relazionali, delle reti di reciprocità, della gestione condivisa delle risorse comunitarie (6).

“Il tema del lavoro riveste un ruolo centrale tanto per alimentare i diritti di cittadinanza, quanto per accrescere benessere delle famiglie – hanno proseguito da conVoi – Ecco allora che sono state realizzate sei consulenze di sostegno alla ricerca attiva del lavoro, quattro progetti educativi di accompagnamento lavorativo, due progetti di conciliazione vita-lavoro, tre progetti di accompagnamento educativo al lavoro e di sostegno al reddito”. Parallelamente conVoi ha ottenuto in comodato d’uso gratuito per cinque anni una villa a Cesano Maderno, offerta dalla famiglia Giussani.

“Una volta formalizzato il comodato, abbiamo invitato genitori e ragazzi e a conoscere gli spazi, a ripensarne usi e finalità possibili: insomma, a darci una mano. Insieme, allora, abbiamo deciso di trasferire la sede delle attività del doposcuola in questo nuovo ambiente, meno centrale ma molto ampio, con un giardino, frutteto e grandi spazi polifunzionali. Allora abbiamo espresso a Leroy Merlin Italia il desiderio di recuperare gli spazi del box e della casa sull’albero per realizzare un progetto comunitario che comprendesse spazi per giochi, laboratori e attività educative”, ha raccontato Vitali. “Leroy Merlin Italia, convinta della bontà del progetto, ha offerto progettazione, materiali, manodopera, realizzazione e comunicazione del recupero degli spazi. Il video realizzato è stato presentato al Festival mondiale della comunicazione e marketing di Cannes, ottenendo il Leone d’Argento”.

Ma non ci si ferma qui. Perché il rapporto con Leroy Merlin Italia sfocerà a settembre 2019 nella fondazione di conVoi lavoro Impresa sociale srl da parte di associazione conVoi. ConVoi lavoro sarà socia di Generiamo impresa sociale, il cui socio di maggioranza e principale contributore in termini di capitale sociale e strumentazione per lo sviluppo dell’azienda sarà Leroy Merlin Italia.

Immagine tratta dal sito leroymerlin.it.