San Francesco secondo Giotto. In mostra a Vimercate gli affreschi di Assisi

Dal 24 febbraio all’11 marzo 2018 Vimercate ospiterà una fedele riproduzione fotografica degli affreschi della
Basilica Superiore di Assisi. Una mostra per tornare a raccontare la storia di Francesco, per ridire a tutti la bellezza della santità.


Apre i battenti sabato 24 febbraio nell’Oratorio Cristo Re di Vimercate, in via Valcamonica 25, la mostra San Francesco secondo Giotto, fedele riproduzione fotografica in scala 1:4 dello splendido ciclo affrescato da Giotto nella Basilica Superiore di Assisi che ripercorre le tappe della vita di Francesco in 28 episodi riprodotti a grandi dimensioni (ogni riquadro di circa mt 1×1,20) e a portata d’occhio. Una storia squadernata su parete nella quale, attraverso Francesco, riaccade tutta la bellezza dell’Antico e del Nuovo Testamento.
La mostra itinerante – prodotta da Itaca, società editrice e di promozione culturale, e curata dal professor Roberto Filippetti, già noto al grande pubblico perché da anni percorre l’Italia per introdurre bambini, giovani e adulti all’incontro con la grande arte, letteraria e pittorica – è organizzata dalla Comunità Pastorale Beata Vergine del Rosario di Vimercate e Burago di Molgora, insieme alla Pastorale Scolastica di Vimercate, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Vimercate – Assessorato alla Cultura, con il contributo della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus, VRV e Ottica Migliorini.
Da secoli l’arte è ridotta ad analisi e descrizione dell’opera in termini nozionistici e asettici, ma non era certo questa l’intenzione di chi chiamò Giotto a rappresentare la vita di Francesco sulle pareti della basilica costruita poco dopo la sua morte (i lavori della doppia basilica iniziarono nel 1228, mentre Francesco era morto la sera del 3 ottobre 1226). L’intento era piuttosto quello di mettere davanti agli occhi di tutti la sua vita per destare il desiderio della Bellezza infinita, quella a cui tendeva Francesco.
La sua santità ha attraversato i secoli e papa Bergoglio, prendendone il nome, l’ha riproposta a tutta la Chiesa come paradigma di un uomo che ha sperimentato la misericordia di Dio e così, riconciliato con Lui, vive un’intima amicizia con l’altro e con tutta la creazione.
La mostra sarà presentata alla cittadinanza sabato 24 febbraio alle ore 21, alla presenza di Roberto Filippetti, che ne è il curatore, con rinfresco a seguire.

Nel nutrito programma sono previsti tanti eventi collaterali: un laboratorio di affresco a partire da 8 anni, concerti, una riflessione interreligiosa e le visite guidate alla chiesa e convento dei Frati di Oreno e alla Casa Banfi di Vimercate.

L’esposizione potrà essere visitata tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è libero.

Ogni giorno sono previste visite guidate a cura degli studenti del Liceo Banfi alle 15.30 e alle 17, possibili anche in altri orari prenotandole al n. 327 7171562.


Programma dettagliato eventi

Maggiori dettagli